Showing 10 Result(s)

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC): come curarlo?

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) è una sindrome di natura ansiosa identificata da Sigmund Freud e descritta nella raccolta dei suoi Casi Clinici, perchè rappresentava una condizione patologica di particolare interesse per la psicoanalisi in quanto espressione visibile delle pulsioni inconsce inaccettabili per l’Io cosciente del soggetto. Il DOC si compone di due aspetti, l’ossessione e …

Ansiolitici e Alzheimer: le benzodiazepine aumentano il rischio di demenza

E’ degli scorsi giorni la notizia di uno studio pubblicato dal BMJ (British Medical Journal) che ha evidenziato il rapporto fra l’assunzione prolungata di benzodiazepine (classe di ansiolitici alla quale appartengono fra gli altri Xanax, Lexotan, EN, Ansiolin e Tavor) e l’aumentato rischio di sviluppare la Demenza di Alzheimer nella terza età. I ricercatori hanno …

Semplice tristezza o depressione?

  Tweet Nel gergo comune una persona che attraversa un periodo difficile o anche una singola giornata storta si dice “depressa”, ma quando lo è veramente e quando è semplicemente triste? Un interessante articolo di qualche anno fa scritto dal Prof. Andreoli sottolineava la tendenza a medicalizzare i cali dell’umore dimenticandosi del fatto che esiste …

Antidepressivi e marketing: la costruzione sociale dell’effetto attribuito agli psicofarmaci

  Tweet Forse non tutti sanno che negli USA è legale la pubblicità dei farmaci etici (che richiedono prescrizione medica) rivolta direttamente al paziente (o meglio, al “consumatore”): come tutti i prodotti anche i farmaci infatti devono essere venduti e quindi collocati sul mercato curandone l’immagine percepita dal consumatore il posizionamento sul mercato: in una …

Antidepressivi e suicidio in adolescenza

I farmaci antidepressivi della classe SSRI (inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina), che rappresentano oggi una delle categorie di farmaci più prescritta sia per i disturbi depressivi, sia per quelli ansiosi, agiscono bloccando il riassorbimento di serotonina da parte delle cellule cerebrali (neuroni pre-sinaptici) e determinano un aumento dell’attivazione che ha effetti positivi quando il paziente soffre …